Visitare Meteora
Europa,  I Viaggi

Meteora, visita ai monasteri in mezzo alle nuvole

Ho esaudito un altro desiderio.

Di sogni e desideri ne ho tantissimi e quando posso finalmente tirare una riga su uno di essi sono felice come un bimbo a Natale.

Questo per l’esattezza era il numero 28 (per scoprire gli altri clicca qui).

Approfittando dell’inaspettato viaggio ad Atene ho colto la palla al balzo per cercare di capire come arrivare ai monasteri di Meteora.

Come arrivare

Visitare Meteora

Da Atene le soluzioni sono due.

O noleggi un auto o prendi il treno che ti porta a Kalambaka, città che sorge ai piedi delle Meteore.

Ho deciso per il treno, un viaggio lunghissimo di quasi 4 ore e mezza all’andata e altrettanto al ritorno.

In auto sarebbe comunque stato lungo perché dista più di 350 chilometri, quindi perché non utilizzare il treno.

Mi sono affidata ad un tour per la visita, visto che non avevo un auto a disposizione.

Il tour a è durato circa 4 ore e mi ha permesso di visitare i monasteri principali oltre a fermarmi in alcuni dei punti più panoramici.

Ma cos’è Meteora?

Visitare Meteora

Meteora è uno dei più grandi complessi monasteriali della Grecia ed è un sito Patrimonio dell’Umanità.

Sopra enormi speroni di roccia, sono stati realizzati dei monasteri che sembrano fluttuare in mezzo al cielo, da monaci eremiti.

In passato raggiungere questi luoghi era difficile infatti la scalata avveniva attraverso lunghe scale di corda.

Oggi risulta un pochino più semplice anche se a volte abbastanza impegnativo in quanto sono state realizzate scalinate  scavate nei fianchi delle rocce.

Ogni monastero ha uno o due giorni di chiusura al pubblico a settimana in base alla stagione.

Quali monasteri visitare

Sono presenti 24 monasteri ma solo 6 di questi sono aperti al pubblico.

All’interno delle chiese non è possibile fare foto ed è consentito l’ingresso solamente con un abbigliamento adeguato: ginocchia e spalle devono essere coperte sia per le donne che per gli uomini (all’ingresso troverete appositi teli per coprirvi).

La visita ai monasteri costa € 3,00 l’uno e potete liberamente decidere se visitarli tutti o sceglierne solo alcuni.

Trattandosi di luoghi religiosi è necessario un comportamento consono alla sacralità del posto.

Monastero di Roussànou

Il primo monastero che ho visitato è quello di Roussànou.

Si tratta di un piccolo monastero dedicato a Santa Barbara, gestito ed abitato solo da donne.

Si raggiunge dopo una breve e poco impegnativa scalinata ed il monastero sembra il naturale proseguimento della roccia su cui è arroccato.

Monastero di Mégalo Méteoro

Il più grande è il Mégalo Meteoro o monastero della Trasfigurazione.

La vista da questo monastero è magnifica così come la salita per raggiungerlo.

E’ la meta imperdibile del vostro viaggio a Meteora.

Monastero di Agios Stefanos

Il monastero più facile da raggiungere.

Attraversando un ponte si raggiunge l’ingresso.

All’interno si trovano due cattedrali, in una di essa sono conservate anche delle sacre reliquie.

Monastero Agios Nikolaos

Monastero dedicato a San Nicola.

Era il primo monastero che incontravano i pellegrini che si recavano in questa zona e probabilmente era un luogo dove si veniva ospitati per riposarsi dal lungo viaggio.

La dimensione limitata della roccia su cui è stato eretto l’edificio ha obbligato i monaci ha creare più livelli; sempre a causa dello spazio limitato, non sono presenti cortili.

Monastero Agia Triada

Dicono sia il più difficile da raggiungere.
Purtroppo non ho potuto provare perché era il giorno di chiusura.

Monastero dedicato alla Santissima Trinità.

Questo luogo ha fatto da location per alcune scene del film “James Bond, solo per i tuoi occhi”.

Monastero di Varlaam

L’abbiamo ammirato solo dal vicino Mégalo Meteoro.

Al suo interno è ancora possibile visitare la torre che veniva utilizzata dai monaci per salire e scendere dal monastero.

Qui è presente un museo con tantissimi manoscritti.

Ma Meteora è anche panorami mozzafiato; durante il tour fermatevi nei vari punti di osservazione: ne rimarrete incantati.

Manu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.