Marrakech cosa fare e vedere in un week end
I Viaggi,  Mondo

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Marrrakech è chiamata la città rossa o città ocra per il colore della maggior parte dei suoi edifici. 

Si trova quasi al centro del Marocco ai piedi delle montagne dell’Atlante.

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Avendo a disposizione un week end, noi abbiamo deciso di spenderlo completamente per la visita di questa città.

La sera prima della partenza guardando distrattamente Facebook mi sono imbattuta in un post di una ragazza appena rientrata da Marrakech.

La descrizione del luogo che aveva visitato mi aveva dato i brividi.

Parlava di sporco in ogni angolo, parlava di aver avuto sempre paura (sia di giorno che di sera), di persone che con arroganza e cattiveria li spintonavano nei negozi per poi obbligarli a comprare, di aver incontrato persone che l’avevano insultata senza nessun rilevante motivo e di motorini che ad ogni angolo cercavano di investirli.

Insomma un luogo da incubo.

Ecco io posso smentire tutto quello che ha descritto.

Che i motorini sfreccino da una parte all’altra è vero, la Medina è un labirinto di strettissime vie, ma con un po’ di buon senso e tanta gentilezza non si corrono assolutamente rischi.

Dobbiamo ricordarci che mentre noi siamo lì a passeggiare queste persone stanno lavorando quindi è logico che abbiano un po’ più fretta di noi.

Al rumore di un motorino basterà accostarsi ai lati della strada.

I negozianti ti propongono quasi continuamente di entrare per fare acquisti, anche qui basta un sorriso, un semplice “no, merci” e potrete proseguire in tutta tranquillità.

Non ci siamo mai sentiti in pericolo, nessuno ci ha mai obbligato a fare acquisti, non siamo mai stati insultati.

Dopo questa doverosa premessa vi voglio raccontare i luoghi e le attività che abbiamo amato di più nella città rossa.

Dormire in un Riad

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Dormire in un riad è essenziale per immergersi appieno in questa incredibile città, meglio ancora se è all’interno della Medina, sono abitazioni tradizionali che si sviluppano attorno ad un cortile interno o a un giardino.

Il Riad Ecila ha risposto completamente alle nostre esigenze, anzi superandole.

Passare dalla rumorosa e frenetica Medina a questa piccola oasi di pace e silenzio è veramente impressionante.

Chiudendo il portone dell’ingresso hai la reale sensazione di chiudere fuori il mondo.

Tutto è curato nei minimi dettagli dall’arredamento all’accoglienza.

Se decidete di visitare questa città non perdetevi l’occasione di dormire in uno di questi alloggi.

I Souk

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Il mercato tradizionale della città è un labirinto di piccole vie piene di bancarelle.

Piccoli negozi e botteghe artigianali dove si perde in continuazione il senso dell’orientamento ma è anche la parte migliore di questa esperienza.

I souk si dividono per categoria merceologica, durante le vostre passeggiata potreste arrivare al souk Smata dedicato alle ciabatte e alle cintura.

Oppure incappare nel souk Siyyaghin dedicato ai gioielli.

Infatti gli artigiani si sono aggregati in corporazioni a seconda della loro lavorazione: mastri ferrai, sarti, tintori, orologiai, etc.

In queste viuzze è piacevole passeggiare anche nelle ore centrali perché quasi tutti i souk hanno coperture in legno o composte da teli per proteggere dai forti raggi di sole.

Obbligatorio contrattare ma sempre con il sorriso sulle labbra.

Le Jardin Secret

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Si tratta di un giardino botanico all’interno della Medina: per esattezza uno dei più antichi.

Per un lungo periodo è rimasto in rovina finché un gruppo di imprenditori non ha deciso di iniziare i lavori di restauro che hanno ridonato luce e bellezza a questo luogo.

L’ingresso costa 50dhm, poco meno di € 5,00, a cui si può aggiungere la visita alla torre per 30dhm con una visuale a 360° sulla città.

Il giardino segreto si divide in due aree.

Il primo giardino rispetta le caratteristiche tipiche di un giardino islamico mentre il secondo è più esotico con piante provenienti da tutto il mondo.

Piacevolissimo accomodarsi su una delle tante panchine presenti mentre si sente in lontananza il canto del Muezzin.

Jeema El Fna

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Descrivere questa piazza è complicatissimo: bisogna vederla, viverla.

Questo è il vero cuore pulsante della città.

Passeggiare tra cartomanti, incantatori di serpenti, venditori di spremute appena fatte, cantastorie, improbabili dentisti, vi farà assistere un continuo spettacolo vivente, tanto da essersi meritata il riconoscimento dall’Unesco come patrimonio orale e immateriale dell’umanità.

Uno spettacolo unico che con il calare del sole diventa ancora più sorprendente; il modo migliore per ammirare questo momento della giornata è entrare in uno dei locali che circondano la piazza e salire sulla terrazza sorseggiando un bicchiere di the alla menta.

Imperdibile cenare ad una delle bancarelle e assaggiare una delle tante e buonissime specialità locali come vi ho già raccontato qui.

Merita una visita anche la Moschea Koutoubi.

Jardin Majorelle

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Una tappa quasi obbligatoria presa un po’ da assalto dai turisti; noi siamo arrivati al mattino presto ed abbiamo evitato di fare una lunghissima coda per entrare.

Il biglietto costa 70dhm.

Il nome di questo curatissimo giardino viene dal pittore francese Jacques Majorelle che acquistò questo terreno e lo trasformo in una bellissima villa Art Dèco e in un giardino botanico ispirato ad un giardino islamico.

Successivamente fù acquistato da Yves Saint Laurent che lo rese ancora più lussureggiante e curato.

Attualmente è di proprietà della fondazione del famoso stilista che lo cura con meticolosa attenzione.

Giardini Menara

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Fuori dalla città, 45 minuti a piedi dalla piazza, a poca distanza dall’aeroporto si trova questo enorme giardino.

Noi l’abbiamo raggiunto con l’autobus pubblico e qui vi spieghiamo come ci siamo mossi in città.

Quando il cielo è abbastanza limpido si possono vedere chiaramente le montagne dell’Atlante.

Al centro del giardino c’è un lago artificiale  che serve ad irrigare tutta l’area; sullo specchio d’acqua si affaccia un padiglione dal tetto verde del 1500. 

Ingresso gratuito e apertura dalle 9.00 alle 17.00.

Quartiere El Mellah

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

L’ex quartiere degli ebrei è molto meno frequentato dai turisti.

Qui si trova il mercato delle spezie dove si può acquistare a prezzi molto inferiori rispetto ai souk attorno al Jeema el Fna.

In questo luogo non è difficile ammirare i nidi delle cicogne attorno alle mura del palazzo El Badi.

Nel quartiere sono presenti diversi siti di interesse culturale.

Dar si Said

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Il Dar si Said è un museo di storia locale dedicato alla tessitura, ma troverete anche oggetti di artigianato locale.

Molto bello il riad che lo ospita caratterizzato al secondo piano da decorazioni ispano moresche.

Aperto dalle 9.00 alle 17.00 al costo di 70dhm.

Tombe dei Saaditi

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Le Tombe dei Saaditi sono un mausoleo vicino alla moschea della Kasbah.

Sono uno dei pochi resti della dinastia Saadian.

Quasi tutto venne distrutto tranne queste tombe, non si ebbe il coraggio di compiere un tale sacrilegio, ma si murò l’ingresso.

Le sale che ospitano le tombe sono finemente decorate.

Particolarmente bella la Sala delle Dodici Colonne.

Costo ingresso 70dhm, aperto dalle 9.00 alle 17.00.

Bahia Palace

Marrakech cosa fare e vedere in un week end

Questo palazzo è enorme e bellissimo infatti il nome Bahia viene da “il bello” o “il brillante”.

E’ uno dei principali monumenti del paese e comprende una superficie di 8.000 mq.

All’interno si intervallano sale riccamente decorate a giardini lussureggianti.

Marmi, sculture, dipinti, stucchi e vetrate di una bellezza disarmante vi faranno girare la testa.

Secondo noi la visita di questo luogo è assolutamente irrinunciabile.

Costo ingresso 70dhm, aperto dalle 9.00 alle 17.00.

Purtroppo qualcosa che avevamo nella nostra lista non siamo riusciti a visitare come il Palazzo el Badi chiuso per un evento, la Medersa di Ben Youssef chiusa per restauro fino al 2020, la sinagoga del quartiere ebraico Slat Al Azama dove siamo arrivati dopo l’orario di chiusura e il quartiere Gueliz.

Abbiamo adorato ogni istante del nostro soggiorno a Marrakech, anche grazie all’ottima cucina.

Curiosi di sapere cosa e dove abbiamo mangiato? Scopritelo qui.

Manu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.